lunedì 16 febbraio 2015

CUCINA PUGLIESE: Le cecuère salvàgge cu bbrote

Per l'appuntamento di oggi de "L'Italia nel piatto", il nostro gruppo vi propone piatti a base di Zuppe o Verdure, ideali da gustare in questo periodo.

Qui da me potrete assaporare un piatto tipico "Le cecuère salvàgge cu bbrote" ovvero "Le cicorielle selvatiche con il brodo" un piatto povero ma che vi assicuro ...è una coccola!

Le cicorielle selvatiche hanno un gusto piuttosto amarognolo che a me piace parecchio, forse non tutti gradiscono, ma mitigato dal sapore più delicato del brodo, ne fa un ottimo e salutare piatto.
Questa verdura cresce spontanea quasi dappertutto in Puglia e la si può trovare in quasi tutto il periodo dell'anno.
La gastronomia pugliese è ricca di piatti a base di cicorie, il tradizionalissimo piatto di "cicorie e fave", un tempo il cibo dei contadini, oggi ormai la fa da padrona sulle nostre tavole e nei ristoranti tipici alla moda!

Caratteristiche principali di questa verdura sono le sue proprietà terapeutiche su tutto l'organismo, in particolare è diuretica, abbassa la pressione, depura i reni, coadiuvante nella cura di problemi respiratori, dermatologici ecc., insomma una vera medicina naturale!


Un abbraccio MILENA


















Ingredienti:

Per il brodo:

1 osso di prosciutto o una cotenna di lardo o altra carne per brodo
1 costa di sedano
1 pugnetto di pomodorini d'inverno (al filo)
1 piccola cipolla
sale q.b.

Inoltre:

1 kg. di cicorielle selvatiche
formaggio pecorino grattugiato
fette di pane casereccio tostato

Procedimento:

In un tegame con abbondante acqua salata mettere la carne a bollire ed eventualmente schiumare, poi aggiungere  tutti gli altri  ingredienti per il brodo e far cuocere.
Nel frattempo pulire le cicorielle eliminando il torsolo ed eventuali foglie sciupate, lavarle ripetutamente (hanno sempre residui di terreno)  e metterle a lessare in abbondante acqua salata.
Una volta cotte, scolarle, sistemarle nelle fondine e condire con il brodo e una bella manciata di pecorino grattugiato e gustare con dell'ottimo pane casereccio tostato.






Ora...non perdetevi le gustose ricette delle altre regioni!

Valle d'Aosta:  Minestra di riso con porri e patate 

Trentino-Alto Adige: La mosa e la trisa
  
Friuli-Venezia Giulia: Jota alla triestina 

Veneto: La panada

Lombardia: La Büseca (Trippa)

Liguria:  Carciofi con piselli (articiocche con puisci)    http://arbanelladibasilico.blogspot.com/2015/02/litalia-nel-piatto-zuppe-e-verdure.html
   
Emilia Romagna: Zuppa di patate DOP di Bologna e polenta con gorgonzola

Toscana: Porrata bianca, ricetta fiorentina del '300



Abruzzo:Zucchine e Patate (Chicocce e patane) http://ilmondodibetty.it/zucchine-e-patate-chicocce-e-patane/ 


Lazio: Minestra di broccolo alla romana 

Campania:'Mbastuocchio vruoccl e rape e fasul

Basilicata: Pasta e patate con peperoni cruschi e ricotta salata

Puglia: Le cecuère salvàgge cu bbrote 

Calabria: Zuppa di fagioli, zucca gialla, funghi e borragine  http://ilmondodirina.blogspot.com/2015/02/zuppa-di-fagioli-zucca-gialla-funghi-e.html

Sicilia: Macco di fave e finocchietto selvatico
  


15 commenti:

  1. Milena come vorrei essere da te e assaggiare questo piatto in tua compagnia.... un bacione e bravissima!

    RispondiElimina
  2. Nonostante l'amarognolo, come dici tu, penso che mi piacerebbe moltissimo... bacione a presto

    RispondiElimina
  3. Un meraviglioso piatto povero, adoro questo appuntamento!

    RispondiElimina
  4. Questo piatto cara è decisamente una boma di gusto e sapore...lo adoro! Baci,Imma

    RispondiElimina
  5. Ho imparato a mangiare le cicorie selvatiche da poco, le preparo in maniera semplice perché mi piace sentirne il gusto pieno. Adesso le proverò insaporite con il brodo di carne! A presto , un bacio!

    RispondiElimina
  6. Ciao Milena!!!! Che spettacolo le tue foto!!!! E che dire della ricetta??? Stupenda e gustosissimaaaaa!

    RispondiElimina
  7. il titolo è impronunciabile per me da quando è difficile, però il piatto sarà anche povero, ma di una bontà che adoro!!

    RispondiElimina
  8. buonissime le tue cicorielle... penso che da noi si chiamino sprelle, la mia nonna le cucinava lessate e condite con le uova sode, le ricordo di una bontà indescrivibile! immagino il gusto della tua zuppa!! un bacio!

    RispondiElimina
  9. In brodo mai mangiate le cicorie selvatiche. Io le compro spesso, però mi limito a prepararle ripassate in padella o con i fagioli. Però adesso mi ricordo che le metto anche nella minestra maritata, quel retrogusto un pò amarognolo mitiga il sapore del brodo.

    RispondiElimina
  10. le cicorielle selvatiche sono le mie preferite, non vedo l'ora che tornino, nei prati un bacione

    RispondiElimina
  11. Profumo di...natura selvatica, profumo di...magia!!!! Sei bravissima!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Un bacione

    RispondiElimina
  12. La vicinanza delle nostre regioni ci accomuna anche negli ingredienti, la foto di quelle cicorielle è commovente e mi ricorda la nonna di mio marito che, a 90 anni suonati ancora si recava in campagna a raccoglierle.

    Un piatto che sa scaldare il cuore .

    RispondiElimina
  13. Un piatto povero ma ricco di gusto.Anche da queste parti usiamo molto la cicoria selvatica abbinata con altre verdure.
    A Presto

    RispondiElimina
  14. Altro che piatto povero questo è un meraviglioso concentrato di bontà e tradizione contadina. ricordo che i miei nonni aggiungevano anche l'uovo sbattutto, il tutto coagulava per effetto del calore del brodo e delle cicorie...infinità bontà!!!Grazie Milena per aver riproposto questa bella ricetta contadina.

    RispondiElimina
  15. Che buona questa zuppa! Calda e con un sapore deciso. Adoro poi i piatti in cui si lasciano cuocere i resti del prosciutto - ossi o cotenna - che nella sapienza di non buttare nulla donano un gusto intenso e buonissimo!

    RispondiElimina