lunedì 2 febbraio 2015

CUCINA PUGLIESE: A Farnedd

Siamo entrati ormai nel clima festoso di Carnevale e noi del gruppo de "L'Italia nel piatto" oggi  vi proponiamo  tutta una serie di ricette dolci o salate tipiche del Carnevale!

Nella mia cucina trovate dei dolcetti a base di "Farnedd" o "Farinella" prodotto tipico di Putignano, bella cittadina posta su tre colli e famosissima per il suo Carnevale, il più antico d'Europa,  pare sia anche il più lungo visto che inizia il 26 dicembre.

Durante il 1300 ci furono violente invasioni Saracene che portarono terrore e morte fra la gente di Putignano e fu durante una di queste che alla popolazione venne una brillante idea, si cosparsero tutto il corpo con una polvere color nocciola mostrandosi agli invasori come mostri! I saraceni, spaventati e pensando che gli abitanti del paese fossero stati colti da una strana e grave malattia contagiosa, fuggirono via! Putignano fu salva!
Quella polvere misteriosa non era altro che la Farinella (a farnedd), uno sfarinato di ceci ed orzo pestati e tostati.
Insomma, la Farinella è un cibo antico dei nostri contadini, formava l'unico pranzo che si consumava durante i duri lavori nei campi, si portava appeso alla vita in un sacchetto di tela chiamato "u volz"e dapprima era mangiato al naturale in polvere, semplicemente con acqua, olio e sale oppure accompagnava fichi freschi o secchi.
Nel 1700, i maestri di cucina la proposero anche ai signori, sulla pasta al sugo, con le verdure, patate lesse ed anche come dolce mescolato allo zucchero.
Le sue origini sono così antiche tanto che, nel tempo, questo sfarinato si è associato anche al carnevale dando il nome alla maschera simbolo delle sfilate carnascialesche di Putignano, Farinella ha l'abito simile ad Arlecchino ma con un cappello da giullare con punte e campanelli. Originariamente i colori della maschera di Farinella erano bianchi e verdi, i colori della città ed il personaggio era rappresentato nell'atto di mettere pace fra cane e gatto che simboleggiavano i cittadini di Putignano.

Oggi sono ormai in pochi a conoscere questo gustoso prodotto e se non fosse stato per la ricerca effettuata in rete, anch'io sarei rimasta all'oscuro di questo profumato sfarinato.
La peculiarità di questo prodotto è quella di essere usata così com'è, in quanto tostata e non cruda, quindi ottima per accompagnare sughi, verdure lesse o patate.

Sono riuscita a comprare la farinella da un produttore di Putignano, forse l'unico rimasto, che munito di una macina in pietra, riesce ancora a donarci la tradizione della nostra terra!
E da lui ho ricevuto la ricetta di questi dolcetti che vi propongo oggi!

Un abbraccio MILENA

Notizie prese qui

Dolcetti di farinella












Ingredienti:

500 g. di farinella mista di ceci ed orzo
275 g. di burro
175 g. di zucchero
2 uova
1 tuorlo
1 buccia di limone grattugiato
1 buccia di arancia grattugiata
1 pizzico di cannella
latte q.b (se occorre)

Procedimento:

In una coppa lavorare il burro a crema, aggiungere lo zucchero, le uova, la buccia grattugiata di limone ed arancia e cannella.
Mescolare e versare il tutto al centro della farina.
Impastare, formare una palla e far riposare per un po'.
Poi stendere l'impasto e dare la forma a vostro piacere.
Infornare a 160° per circa 15 minuti.


E questi invece sono dolcetti di farinella al vincotto di fichi











Ingredienti:

farinella e farina integrale q.b.
250 ml. di vincotto di fichi
50 g. di noci tritate
25 g. di zucchero
7 g. di ammoniaca
1 pizzico di cannella
buccia di arancia e limone grattugiato

In una zuppiera versare il vincotto di fichi, aggiungere le noci tritate, ammoniaca, cannella, buccia di arancia e di limone grattugiati, amalgamare e versare le farine fino ad ottenere un impasto consistente, stendere l'impasto e formare i dolcetti con le formine.
infornare a 160° per circa 15 minuti.

Ricetta presa qui






Ed ora non lasciatevi sfuggire le ricette tipiche delle altre regioni:


Trentino-Alto Adige:  Frittelle di mele trentine
  
Friuli-Venezia Giulia: Rafioi o ravioli di Carnevale

Veneto: Lattughe e frigole de carneval 

Lombardia: Chiacchiere milanesi

  

Toscana: Berlingozzi (detti anche zuccherini)

Umbria: Strufoli http://www.dueamicheincucina.ifood.it/2015/02/strufoli-per-l…lia-nel-piatto.html 

Abruzzo: Cestini di Cicerchiata http://ilmondodibetty.it/cestini-di-cicerchiata/ 



Campania: Sanguinaccio con il sangue di maiale
Basilicata: Polpette di pane e patate 





Il vincitore del contest di Gennaio per le ricette con la frutta secca è franca del blog Cannella e gelsomino con i suoi meravigliosi "mucatoli" http://cannellaegelsomino.blogspot.it/2015/01/i-mucatoli.html!!!



19 commenti:

  1. da pugliese non conoscevo questa specialità...grazie per le informazioni e per i bei biscottini che hai realizzato. un abbraccio,peppe.

    RispondiElimina
  2. Ma che bello questo post, Milena, e che magnifici dolcetti! Un bacione a presto

    RispondiElimina
  3. Oh che invidia qui non si fa nulla x carnevale!

    RispondiElimina
  4. Non conoscevo nè la storia nè la farinella! Immagino il profumo e mi vengono in mente mille idee per utilizzarla.. in primis le tue buonissime ricette! Prima o poi la proverò!

    RispondiElimina
  5. ecco l'ingrediente segreto e magico di cui parlavi! Grazie per averlo cercato e sopratutto per aver preparato questi biscottini speciali! Sono queste ricette antiche che scaldano il cuore! complimenti!

    RispondiElimina
  6. Quante cose si imparano con il nostro gruppo, grazie per averci fatto conoscere questi sfiziosi dolcetti.

    RispondiElimina
  7. mai sentito parlare di questi dolcetti, m'ispirano moltissimo, un bacione
    Miria

    RispondiElimina
  8. Nemmeno io conoscevo la farinella...nè tantomeno la sua storia...davvero molto interessante Milena! Complimenti! E che dire dei dolcetti....semplicemente meravigliosi, golosi e bellissimi!!!! Una gioia per la vista e il palato!!!!

    RispondiElimina
  9. Ma tu lo sai che,,,questi li rubo???? Li veganizzo anche (ormai ci ho preso troppo gustoooo:D) Sono meravigliosiiiiiiiiii, con farina di ceci!!!!! Li devo provareeeeee!!! Spettacolari e...uff che voglia di assaggiarli!!!! Mi tocca proprio farli :D BRAVISSIMAAAAAAAAA Mile <3 un bacione

    RispondiElimina
  10. interessantissima la storia della farinella, io proprio non la conoscevo! i tuoi dolcetti sono favolosi, complimenti, mi mangerei lo schermo del pc!!

    RispondiElimina
  11. Una ricetta che non conoscevo, una vera delizia!

    RispondiElimina
  12. Quante cose si imparano da questa rubrica! Brava!

    RispondiElimina
  13. na che buoni che devono essere questi dolcetti :)

    RispondiElimina
  14. Li avevo adocchiati in giro e finalmente riesco a passare con calma e leggere….non li conoscevo, e ancora di più mi sorprendo davanti agli ingredienti . Mi piacerebbe assaggiare uno ;-).

    RispondiElimina
  15. Ceci e orzo uguale farinella, non si finisce mai di apprendere.
    Spettacolari

    RispondiElimina
  16. Mi piacciono!! Ma al posto della farinella di ceci e orzo posso usare altro? Perchè mi sa che ho un pò di difficoltà a reperirla!!!
    Un abbraccio
    Monica

    RispondiElimina
  17. Milena, la storia della farinella mi ha conquistata, per non dire dei dolcetti. È bello che tu ti sia data da fare per cercare l'ingrediente principale. Dimmi una cosa: io ho in casa sia la farina di ceci che la farina d'orzo; potrei mescolarle in parti uguali e tostarle?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giovanna...ceci ed orzo vanno tostati prima di essere pestati e ridotti in farina! la farina mi sembra impossibile tostarla!
      un abbraccio

      Elimina
  18. ....voglio provare con le farine mischiate: vediamo che viene fuori!

    RispondiElimina