Passa ai contenuti principali

Il Benedetto pasquale

Il Benedetto pasquale

Il piatto che più caratterizza la tavola della Santa Pasqua in Puglia è il Benedetto pasquale, l'antipasto per eccellenza che non può mancare il giorno di Pasqua.



Il nome del piatto nasce da un'antica tradizione: il capofamiglia, prima di iniziare il pranzo, benediva la tavola con un ramoscello di ulivo intinto nell'acqua santa ricevuta precedentemente durante la messa pasquale e recitando una preghiera.
E' solo dopo che si poteva iniziare a mangiare iniziando a gustare, come antipasto, il Benedetto pasquale

Un piatto semplice e che racchiude tutti i sapori tipici della nostra terra, dalla ricotta fresca pugliese alla soppressata o al capocollo di Martina Franca, uno fra i salumi più eccellenti della Puglia. Nel barese poi non manca abbinare i carciofi fritti e poi c'è chi completa il piatto con tarallini e olive o ruchetta o insalata riccia, oltre ovviamente alle uova, simbolo di rinascita e quindi di Resurrezione. 
Tutti gli ingredienti vengono accostati in modo coreografico per rendere la tavola ricca e profumata.


Il Benedetto pasquale



Il Benedetto pasquale e la banda dei pulcini 
per i bimbi

Per il tema mensile "Mamma ho fame" de L'Italia nel piatto, dedicato ai piatti divertenti e coreografici per i bimbi, ho preparato il Benedetto pasquale con gli stessi ingredienti e decorando le uova in modo simpatico e allettante.

Spesso i nostri piccoli non mangiano come vorremmo, fanno capricci alla vista di determinati alimenti, i loro gusti magari sono sempre gli stessi e sono restii a provare nuovi sapori. Ecco che le mamme allora si devono armare di pazienza e cercare di rendere un piatto appetitoso magari iniziando prima a stuzzicare la vista del piccolo con piatti che attirino la loro attenzione, piatti divertenti, allegri ma nello stesso tempo salutari.









Ingredienti:

ricotta
soppressata o capocollo di Martina o salame a fette
uova sode
fette di arance
carciofi fritti
olio di semi di arachidi

inoltre si possono aggiungere:

tarallini pugliesi
olive
rucola o insalata

Preparazione


  1.  Mettere le uova in una pentola con acqua fredda sul fuoco, quando inizia il bollore, abbassare leggermente la fiamma e dopo 7-8 minuti spegnere il gas. Far freddare le uova magari eliminando l'acqua calda e sostituendola con quella fredda e infine sgusciarle.
  2. Nel frattempo friggere i carciofi precedentemente mondati, messi a bagno in acqua acidulata con limone, tagliati a fette e passati nella pastella di acqua e farina.
  3. Si può ora preparare il piatto: al centro la ricotta, intera o a pezzi, intorno adagiate le fette di arance con la buccia o senza, come preferite, le fette di capocollo, le uova sode divise a spicchi e i carciofi fritti.


Per le uova decorate per i bimbi ho semplicemente ritagliato la calotta superiore delle uova sode, a zig zag o dritta, l'ho inclinata a mo' di cappello, per gli occhi ho usato due capperi e per il becco un pezzettino di carota o un pezzo di stelo di prezzemolo.


Ecco qui di seguito le proposte delle altre rappresentati regionali:

Valle d’Aosta: Coniglietti di Mecoulin di Cogne https://www.delizieeconfidenze.com/2020/04/mecoulin-di-cogne.html
Piemonte: Tramezzini alla Piemontese con salsa tonnata e uova sode per L'Italia nel Piatto https://www.lacascatadeisapori.it/tramezzini-alla-piemontese-con-salsa-tonnata-e-uova-sode-per-l'italia-nel-piatto/
Veneto: Cicchetto: uova ripiene di primavera https://www.ilfiordicappero.com/2020/04/uova-ripiene.html
Friuli Venezia Giulia: Lecca lecca di frico friabile
https://www.blogthatsamore.it/2020/04/lecca-lecca-di-frico-friabile.html
Toscana: Orsacchiotto di pancakes alla farina di castagne con crema alla ricotta https://acquacottaf.blogspot.com/2020/04/orsacchiotto-di-pancakes-alla-farina-di.html
Molise: Il Principe Ranallo - Sofficiotto al caciocavallo http://tartetatina.it/2020/04/02/ranallo-sofficiotto-al-caciocavallo/





Commenti

  1. Bello bello bello bellissimo, quelle ovette a pulcino sono irresistibili! Auguri Milena un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Ma è una meraviglia concentrata di cose irrestibili. E poi le uova nei portauovo buffe e originali.

    RispondiElimina
  3. L'antipasto è molto molto gustoso, ma le ovette sono carinissime ^_^
    Un bacio

    RispondiElimina
  4. E' bello scoprire le varie tradizioni del nostro Paese, è bello mantenerle vive...ed è ancor più bello se prersentate così carine e allegre per i più piccoli...che poi mettono di buon umore anche noi grandi!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Che modo carino di portare in tavola un antipasto pensato anche per i più piccoli. Bravissima.

    RispondiElimina
  6. un benedetto pasquale allegro e gioioso, proprio adatto ai nostri piccoli di casa! Bravissima!

    RispondiElimina
  7. Avevo sentito parlare di questo piatto ma non avevo ben capito di cosa si trattasse. E' molto invitante e l'idea di decorare le uova in quel modo è davvero sfiziosa! un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Bellissima questa tradizione e delizioso questo piatto! Mi piace assai Milena!
    Baci,
    Mary

    RispondiElimina
  9. Che bel piatto e che voglia di assaggiare tutto!

    RispondiElimina
  10. Irresistibile questo piatto. Quante bontà !

    RispondiElimina
  11. Che piatto spettacolare! Complimenti!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Faldacchea di Turi

In Puglia , l'organizzazione del  matrimonio è ancora, per la maggior parte delle coppie, un rito al quale fa sempre piacere dedicarsi!  Imprescindibile per il giorno più bello, il giorno del " Si, lo voglio "! "Paese che vai...usanze che trovi", e questo detto vale anche per la cerimonia dei matrimoni pugliesi, piccoli dettagli e piccole tradizioni che si differenziano da paese a paese e che si tramandano da generazioni!  La promessa di matrimonio, l'abito  della sposa che in alcuni paesi viene donato dalla suocera, mentre la mamma della sposa regala la camicia con eventuali bottoni gemelli al futuro sposo, e poi scegliere le partecipazioni e gli inviti per la chiesa e il ricevimento, gli addobbi floreali, la scelta dei testimoni, le fedi, la location per la festa, le bomboniere, la musica, i pranzi e le cene (spesso interminabili) con il cibo che circola attorno al rituale e con la cucina tipica pugliese che la fa da padrona!  Oggi la Puglia

Zuppa di pesce in bianco (Ciambotto in bianco)

Buon anno! Da oggi riparte la rubrica de L'Italia nel piatto che per questo appuntamento di gennaio ha pensato ad un tema ideale per questo periodo. Durante le feste di Natale e Capodanno, fra aperitivi, pranzi e cene, si sa, ne approfittiamo per fare grandi scorpacciate delle delizie tipiche delle feste, ma ora è giunto il momento di dedicarci a piatti più leggeri per una maggiore assimilazione del cibo e per farci sentire più in forma. Il  tema di oggi è appunto: " Zuppe e minestre...dopo le feste ", piatti leggeri e poco dispendiosi della cucina di tutti i giorni! Un piatto leggero per eccellenza è la " zuppa di pesce in bianco ", un piatto saporito che ci

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici! In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...! Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato! Ingredienti: 1 kg. di amarene 1 kg. di zucchero 100 gr. di alcool Procedimento: Lavare e sgocciolare le amarene. Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande. Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente . In frigo poi si conservano perfettamente.

CUCINA PUGLIESE: Polpo con le patate al forno

La puntata di oggi della rubrica L'Italia nel piatto è dedicata ad un tema che adoro: Sagre di pesce e piatti con pescato. Vivendo in un paese di mare ho la fortuna di avere sempre a disposizione pesce fresco appena pescato, due passi...ed ecco il porto dove il pomeriggio si può ammirare l'arrivo dei pescherecci carichi di prelibato bottino! E' una scena bellissima che si perpetua ogni giorno e che non mi stanco mai di meravigliarmi ogni volta! Il polpo per i baresi, qualsiasi sia il modo di prepararlo, è sempre amato ed apprezzato...gustato crudo poi è il massimo, ne ho già parlato altre volte! Per questo appuntamento vi propongo il polpo con le patate al forno, un piatto tipico barese, un piatto dal profumo irresistibile di mare, gustosissimo e che con la cottura in forno lo rende leggero e sano! Un abbraccio MILENA Ingredienti: 3 polpi da 250 g. circa cad. 700 g. di patate qualche pomodorino ciliegia 2 spicchietti di aglio prez

Pizza con capocollo di Martina Franca, pomodori secchi e rucola

La puntata di oggi de L'Italia nel piatto è dedicata ad uno dei cibi più amati dagli italiani e anche dagli stranieri:  la pizza ,  un semplice impasto di farina lievito e acqua e che, appiattita e condita anche solo con pomodoro, mozzarella e basilico rende unica e allegra una serata in pizzeria fra amici o a casa in famiglia.  Originaria della cucina napoletana, la pizza ha conquistato i gusti a livello internazionale. La più famosa è la pizza Margherita , che nel 1889 il cuoco, Raffaele Esposito  preparò per onorare la regina d'Italia Margherita di Savoia e che condì con pomodoro, mozzarella e basilico, a rappresentare i colori della bandiera italiana, ma la storia della pizza è lunga e incerta. Ogni rappresentante regionale presenterà una pizza con i propri prodotti tipici e tradizionali del territorio. Per la Puglia ho pensato di proporre una pizza con uno dei salumi tradizionali pugliesi e più apprezzati a livello internazionale: il capocollo di Martina Franca. Pe