venerdì 20 dicembre 2013

CUCINA PUGLIESE: Ubriachelle romane per L'Italia nel piatto

Buongiorno a tutti...ed eccoci, come anticipato il 10 scorso, al secondo appuntamento della consueta rubrica dell'Italia nel piatto ...!!!

Oggi giornata davvero speciale...eh si,  siamo ormai in pieno clima natalizio e allora  via...i primi regali son partiti! Ognuna di noi ha donato una propria ricetta alla rappresentante di un'altra regione...bello vero ? Ma quanto mi è piaciuta quest'idea!!!

quindi il tema di oggi è: TI REGALO UNA RICETTA DI NATALE ( con scambio interregionale)

Ed io felicissima di replicare una ricetta della mitica Elly del Lazio!
 ( http://elly-chezentity.blogspot.it/2012/01/dalla-semplicita-della-cucina-laziale.html )

UBRIACHELLE ROMANE ( Ciambelline al vino)



Elly cara...è verissimo che, come dici tu, sono di una semplicità disarmannte....ma è anche vero che sono di una gradevolezza infinita, insomma da stare a sgranocchiarne ogni momento!
E quel profumo che si sprigiona già da quando si incomincia ad impastare, per non parlare poi  quando passano in forno!
Sono  biscotti tipici laziali, vengono chiamati ubriachelle proprio perchè preparati con il vino bianco o rosso, io ho usato il rosso Montepulciano che il maritino fa ormai da anni!
Se vi capita di passare da Roma, soprattutto nella zona dei Castelli Romani, ricordatevi di  assaggiare questa specialità!
Velocissimi davvero da fare, con ingredienti che sempre abbiamo in dispensa e che possiamo preparare anche senza bilancia!!!
Io le ho preparate ieri ed Elly ci dice che il massimo della bontà la si scopre dopo 2 o 3 giorni...ma come lei penso che non ci arrivino ...troppo buoni e friabilissimi!!!

Ci vediamo dopo le feste e allora....AUGURO A TUTTI VOI UN SERENO NATALE!











Vi riporto le dosi di Elly:

Ingredienti:

200 ml. di vino bianco o rosso (1 tazza)
200 ml. di olio evo o di semi (1 tazza)
240 g. di zucchero (1 tazza)
600 g. circa di farina
1 cucchiaino raso di lievito per dolci
zucchero per guarnire

Procedimento:

In una ciotola mettere la farina con lo zucchero e il lievito e mescolare bene, fare la fontana e aggiungere il vino e l'olio,  lavorare finchè i liquidi vengono assorbiti dalla farina, all'inizio l'impasto risulterà appiccicoso, poi trasferire su una spianatoia e lavorare ancora fino a quando diventa una bella pasta consistente e non più appiccicosa, aggiungere altra farina se occorre,  poi staccare piccoli pezzi e fare dei bastoncini che verrano avvolti a formare  ciambelline, regolatevi per la misura.
Poi passare la parte superiore di ciascuna ciambellina nello zucchero semolato e disporle un po' distanziate nella teglia.
Infornare a 180° per circa 15-20 minuti o fino a quando saranno appena dorate.

Ed ora tutti a scoprire le ricette delle altre compagne di viaggio:



  • Valle D'Aosta - Parrozzo abruzzese in finger food http://cinziaaifornelli.blogspot.it

  • Piemonte - Ricciarelli di Siena - http://lacasadi-artu.blogspot.it/

  • Lombardia - Ciambelline Arance e Mandorle - http://ledeliziedellamiacucina.blogspot.it/

  • Trentino Alto Adige - Gnocco fritto e buslanei http://afiammadolce.blogspot.it/

  • Veneto Arancini rustici siciliani  - http://ely-tenerezze.blogspot.it/

  • Friuli Venezia Giulia - Pasticcini pugliesi di mandorle -  http://nuvoledifarina.blogspot.it

  • Emilia Romagna - I roccocò morbidi napoletani  -  http://zibaldoneculinario.blogspot.it/

  • Liguria -    Risotto con patate e cipolle di tropea al profumo di rosmarino -http://arbanelladibasilico.blogspot.it/

  • Toscana - Kugelhupf triestino di Stefania http://www.nonsolopiccante.it/

  • Umbria -  Lo Zelten http://amichecucina.blogspot.it

  • Marche -  http://lacreativitaeisuoicolori.blogspot.it

  • Abruzzo - Tortionata di Lodi http://blog.giallozafferano.it/incucinadaeva/

  • Molise - Pan de le feste del Veneto -  http://lacucinadimamma-loredana.blogspot.it/

  • Lazio - Il pane di Matera - http://elly-chezentity.blogspot.it

  • Campania - Tagliatelle con le noci - http://www.isaporidelmediterraneo.it/

  • Puglia - Ubriachelle romane -  http://breakfastdadonaflor.blogspot.it

  • Basilicata - Risotto dei contadini Piemontesi - http://blog.giallozafferano.it/sognandoincucina

  • Calabria -  Birbanti -  http://blog.giallozafferano.it/iocucinocosi

  • Sicilia - Mestecanza Molisana - http://blog.giallozafferano.it/cucinachetipassaoriginal/

  • Sardegna - Pandolce genovese  http://blog.giallozafferano.it/vickyar



  • martedì 10 dicembre 2013

    CUCINA PUGLIESE: Calzoncelli o Bocconotti di pasta reale

    Buongiorno a tutti....!

    Oggi  il primo dei due appuntamenti davvero speciali della rubrica L'Italia nel piatto! Questo mese, dedicato alle feste natalizie, abbiamo pensato di deliziarvi con ben due uscite!
    Non mancate il prossimo 20 dicembre...altre prelibatezze vi attendono!

    Il tema di oggi è: NATALE IN... PUGLIA

     CALZONCELLI  (BOCCONOTTI) DI PASTA REALE



    E come le famose cartellate, anche i  calzoncelli o bocconotti di pasta reale (o pasta di mandorle) non possono mancare sulle nostre tavole delle feste natalizie, anche perché sono preparati con lo stesso impasto delle cartellate ma a forma di panzerottini che verranno poi riempiti di pasta di mandorle!

    Le mandorle sono prodotte abbondantemente dai pittoreschi mandorleti di Puglia e la zona di  Bari è conosciuta per la presenza di uno dei  più importanti centri commerciali delle mandorle e per le affinate capacità operative della gente dei campi!
    Insomma...qui la mandorla la fa da padrona...industrie dolciarie di amaretti, confetti, pasticceria secca ecc.
    La domenica  il pranzo termina sempre con la frutta secca e a Natale poi ...e che ve lo dico a fare...c'è il boom della mandorla con torroni, dolci vari, cioccolatini di mandorle, bocconotti, pasticcini ecc...!




























    Ingredienti:

    per la sfoglia:

    250 g. di farina 00
    50 g. di olio evo o di semi di arachidi
    vino bianco q.b.

    per il ripieno di pasta reale:

    250 g. di mandorle
    175 g. di zucchero ( io 125 g.)
    100 ml. di acqua
    1 buccia di limone grattugiata
    cannella ( a piacere)

    inoltre:

    olio di semi di arachidi
    zucchero a velo
    vin cotto di fichi ( a piacere)

    Procedimento
    Ponete un tegame con un po' d'acqua a bollire sul fuoco, versate le mandorle giusto per qualche minuto per far ammorbidire la pellicina marrone, poi sgusciatele, fatele asciugare su un canovaccio e tritatele finemente.
    Preparare il ripieno mettendo 100 ml. di acqua e  125 g. di zucchero in un pentolino sul fuoco, quando lo zucchero è completamente sciolto aggiungere le mandorle tritate e la buccia di limone grattugiato girando con un mestolo di legno fino ad assorbimento totale dell'acqua e facendo attenzione che la pasta di mandorla non si attacca sul fondo del tegame. Poi spegnete e fate raffreddare.
    Mettere sulla spianatoia la farina a fontana, aggiungere l'olio e cominciare ad impastare con il vino bianco tiepido fino ad ottenere una pasta bella liscia setosa ed elastica.
    Tagliare man mano dei pezzi e passarli alla macchina più volte per fare delle sfoglie tipo lasagne ben lavorate e sottili 
    Adagiare un cucchiaino di pasta di mandorla, chiudere a metà la sfoglia e con la rotellina dentellata formare come piccoli panzerottini. Con i ritagli formate altre sfoglie e riempite ancora.
    Finito il lavoro passate a friggere in abbondante olio di semi di arachidi.
    Infine spolverizzate di zucchero a velo o li passate nel vin cotto.


    www.facebook.com/LItaliaNelPiatto

    Andiamo ora a vedere il Natale in tutte le altre regioni:







  • Valle D'Aosta - Mont Blanc http://cinziaaifornelli.blogspot.it
  • Piemonte - Lasagne alessandrine della Vigilia - http://lacasadi-artu.blogspot.it/
  • Lombardia - Pucia Dulsa - http://ledeliziedellamiacucina.blogspot.it/
  • Trentino Alto Adige - Lebkuchen, zimtsterne e zelten tirolese..le ricette originali!        http://afiammadolce.blogspot.it/
  • Veneto - Crema al mascarpone con grappa cuor di prosecco - http://ely-tenerezze.blogspot.it/
  • Friuli Venezia Giulia - Mostazzòns -  http://nuvoledifarina.blogspot.it
  • Emilia Romagna - La spongata -  http://zibaldoneculinario.blogspot.it/
  • Liguria - baccalà boggìo a-o verde -http://arbanelladibasilico.blogspot.it/
  • Toscana - Panpepato di Siena - http://www.nonsolopiccante.it/
  • Umbria -  Tozzetti canditi http://amichecucina.blogspot.it
  • Marche - Tagliatelle con lo stoccafisso http://lacreativitaeisuoicolori.blogspot.it
  • Abruzzo -Ferratelle abruzzesi http://blog.giallozafferano.it/incucinadaeva/
  • Molise -Tozzetti della mia mamma-  http://lacucinadimamma-loredana.blogspot.it/
  • Lazio - Panpepato - http://elly-chezentity.blogspot.it
  • Campania - Roccocò moridi - http://www.isaporidelmediterraneo.it/
  • Puglia - Bocconotti di pasta reale -  http://breakfastdadonaflor.blogspot.it
  • Basilicata - Pettolehttp://blog.giallozafferano.it/sognandoincucina
  • Calabria -Turdiddri o turdilli calabresi  http://blog.giallozafferano.it/iocucinocosi
  • Sicilia - Torrone Siciliano alle mandorle http://blog.giallozafferano.it/cucinachetipassaoriginal/
  • Sardegna - Torrone sardo di Tonara http://blog.giallozafferano.it/vickyart     

  • Un abbraccio Milena
  • venerdì 6 dicembre 2013

    Carciofi fritti alla birra senza uova

    Buon venerdì a tutti miei cari!

    Ormai quando preparo piatti a base di carciofi non posso non pensare alla persona che tanto mi ha insegnato in cucina!
    Cominciando a salire le scale sentivo già un profumino e appena aperta la porta d'ingresso...si si era lui che aveva cucinato quel giorno! Ne sentivo nettamente il profumo più intenso e carico del solito!
    Lui che aveva girato mezzo mondo si sbizarriva a preparare piatti per noi nuovi, ricette di altri paesi, anche se era comunque sempre legato alla nostra tradizione!
    Lui che quando si accingeva alla cucina...solo a guardarlo vi sareste mangiati qualsiasi piatto da lui preparato per quanta passione e soprattutto amore ci metteva !
    Ricordo soprattutto la sua calma, il suo senso di pace e la sua soddisfazione quando gironzolava in cucina!
    E quanto era felice riunire tutti i figli a tavola per il pranzo domenicale!
    Beh...sto parlando di mio suocero, era una  persona molto conviviale, amante della buona cucina e ottimo cuoco!

    Da lui ho mangiato per la prima volta i carciofi fritti alla birra e senza uova ...e chi li molla più! Sono troppo buoni, croccanti fuori e morbidi dentro! Si sente davvero tutto il sapore e profumo del carciofo!

















    Ingredienti:

    carciofi
    birra (sostituibile con acqua minerale)
    farina
    limone
    olio di semi di arachidi

    Procedimento:

    Mondare i carciofi togliendo le foglie più dure, tagliarli a spicchi e mettere per un po' a bagno in acqua acidulata con il limone.
    Poi in una coppa preparare una pastella con birra e farina, mettere prima la farina e poi man mano aggiungere la birra fino ad ottenere una pastella che non deve essere troppo liquida.
    Aggiungere gli spicchi carciofi che verranno mescolati accuratamente.
    Infine friggere in abbondante olio di semi di arachidi.