lunedì 30 luglio 2012

Le amarene sciroppate

Buon inizio settimana carimissimi amici!

In estate mi piace dedicarmi alla preparazione di conserve di frutta  varia ...in inverno è poi piacevole assaporare e sentirne il loro profumo...!
Tra marmellate e frutta sciroppata ...insomma è bello e comodo avere in dispensa una bella scorta da usare per dolci o da consumare così ...magari anche su un bel gelato!
































































































































































Ingredienti:

1 kg. di amarene
1 kg. di zucchero
100 gr. di alcool

Procedimento:

Lavare e sgocciolare le amarene.
Poi eliminare i noccioli ( non buttateli...si può fare un ottimo liquore di amarene) e mettere le amarene in un boccaccio grande.
Aggiungere lo zucchero  e l'alcool, chiudere e riporre in dispensa , giornalmente agitare il boccaccio fino a quando lo zucchero si è sciolto completamente .
In frigo poi si conservano perfettamente.

mercoledì 25 luglio 2012

Fusilli al pesto di basilico...non proprio genovese!

Buon mercoledì a tutti!
Oggi pesto di basilico e... come dice Gunther del blog Papille vagabonde anche se non è proprio genovese...basta davvero poco per farsi un buon pesto fatto in casa! Anche se il vero pesto di basilico genovese, come dice sempre Gunther, a proposito visitate il suo blog....fa sempre post molto interessanti, richiede Basilico Genovese Dop preferibilemnte di Prà, Olio extra vergine d' Oliva Ligure, Pecorino sardo, Grana Padano o Parmigiano Reggiano Dop della vicina Emilia, Aglio di Imperia, Pinoli della Toscana e le foglie di basilico rigorosamente pestate nel mortaio, possiamo preparare un ottimo pesto anche con i nostri prodotti locali e frullare le foglie con un mixer o minipimer!

Per quanto riguarda il basilico cerco di prendere sempre quello appunto genovese, con le foglie più sottili e ovali, ha un sapore decisamente più buono, l'olio evo è sempre quello che producono da una vita i miei familiari, l'aglio anche è quello tipico nostro...!
Insomma in estate preparo spesso il pesto di basilico...è un piatto fresco e gustoso e ne faccio sempre vasetti in più da tenere in frigo in modo da averli pronti quando si ha poco tempo per cucinare!

P.S.: oh...dimenticavo...una volta ho mangiato le trenette al pesto a Genova....e chi se li scorda...troppo buoni!!!!

























Ingredienti:

4 mazzetti di basilico
60 g. di pinoli
1 spicchio di aglio
olio evo q.b.
grana grattugiato
fusilli o trenette o altra pasta a piacere

Procedimento:

Lavare e asciugare bene le foglie di basilico, metterle in un contenitore con i pinoli, l'aglio, grana padano grattugiato, un po' di olio evo e cominciare a frullare (io con il minipimer) aggiungendo man mano altro olio evo.
Lessare al dente la pasta e condire con il pesto, aggiungendo  pochissima acqua di cottura nel caso risultasse un po' asciutta.



giovedì 19 luglio 2012

Sorbetto di limone

Buon giovedi a tutti carissimi amici!
Ecco...oggi vi propongo una ricetta facile facile...così semplice che l'ha preparata mio marito!!!Eh si...ogni tanto lui si diletta in cucina...dico...ogni tanto proprio eh!!! Ma è stato  bravo, devo dire che il suo sorbetto di limone ha avuto successo...davvero buono..e non potevo non postarlo! Ha chiesto un pò in giro la ricetta...alla fine ha adattato le sue dosi!
E' un dessert che conquista soprattutto per la sua freschezza...e cosa c'è di meglio durante una giornata afosa?

























 
Ingredienti:

500 ml. di succo di limoni non trattati
300 ml. di acqua
300 gr. di zucchero
1 albume montato
1 buccia grattugiata di limone

Procedimento:

Lavare con cura i limoni, spremerli e raccogliere il succo in un contenitore.
Preparare lo sciroppo con l'acqua, lo zucchero e la buccia grattugiata di un limone.
Far cuocere a fiamma dolce fino a quando lo zucchero si scioglie e lo sciroppo sarà diventato trasparente.
Spegnere il fuoco e far raffreddare completamente.
A questo punto aggiungere il succo di limone filtrato ( mio marito ha saltato questo passaggio...sapete ...a lui il sorbetto piace rustico...vuole sentire qualche pezzettino di polpa di limone.
Versare il tutto in un contenitore e porre in freezer fino a quando si rassoda un pò.
Togliere dal freezer e incorporare l'albume montato a neve, mescolare bene con un mixer e riporre in freezer.
Ripetere questa operazione per almeno tre o quattro volte fino ad ottenere un ottimo sorbetto di limone.

lunedì 16 luglio 2012

CUCINA REGIONALE PUGLIESE: Checozze a la poveredde

Buongiorno a tutti carissimi amici....!
Eccoci ad un'altra puntata della nostra rubrica regionale che da oggi va in ferie...eh si  per poi riprendere alla grande e ancora con più entusiasmo a Settembre!
E allora... un RINGRAZIAMENTO particolare e di cuore va alle grandi Babi e Renata, che con grande passione...allegria e affetto ci hanno guidato in questa meravigliosa avventura ...su e giù per la nostra bella Italia alla scoperta di tante tradizioni della nostra cucina!
Un grande RINGRANZIAMENTO a tutte voi carissime amiche e compagne di avventura che avete rappresentato magnificamente le regioni....oh...ma che gruppo stupendo abbiamo creato...sono felicissima di farne parte!!!!
E un Grazieeeeeee a tutti voi carissimi che ci avete seguito settimana dopo settimana!!!
Ci rivediamo a Settembre...non mancateeeeeee!!!!

Per oggi il tema è:                         
 Verdura di stagione




Andiamo subito a scoprire  cosa abbiamo preparato:


CALABRIA: Pipi e patati  di Rosa ed Io (http://rosaantonino.blogspot.it/ )
CAMPANIA: Zucchine a scapece di Le Ricette di Tina (http://blog.giallozafferano.it/ricetteditina/ )
SICILIA: Peperoni imbottiti di Cucina che ti Passa (http://www.cucinachetipassa.info/)
TOSCANA: Zucchine a buglione di Non Solo Piccante (http://www.nonsolopiccante.it/)
LOMBARDIA:   Risotto alla vogherese  di L’Angolo Cottura di Babi (www.langolocottura.it)
VENETO: Peperonata alla veneziana  di Semplicemente Buono www.semplicebuono.blogspot.com/)
FRIULI VENEZIA GIULIA: Ajvar di Nuvole di Farina (http://nuvoledifarina.blogspot.com/)
PIEMONTE:  Tomàtiche a la piemontèisa   di La Casa di Artù(http://lacasadi-artu.blogspot.com/)
EMILIA ROMAGNA: La rustisana   di Zibaldone Culinario (http://zibaldoneculinario.blogspot.com/)
TRENTINO ALTO ADIGE:  Zucchini ripieni al profumo di lago di A Fiamma Dolce (http://afiammadolce.blogspot.it/)
PUGLIA: Checozze a la poveredde  di Breakfast da Donaflor (http://breakfastdadonaflor.blogspot.it/)
LAZIO: Pollo con i peperoni alla romana  di Chez Entity (http://elly-chezentity.blogspot.it/)
LIGURIA: pevion pinn-i   di Un’arbanella di Basilico  http://arbanelladibasilico.blogspot.it/
UMBRIA: Panzanella di 2 Amiche in Cucina (http://amichecucina.blogspot.it/)   
MARCHE: Zucchine ripiene  di La Creatività e i suoi Colori (http://lacreativitaeisuoicolori.blogspot.it )
ABRUZZO: Pipindun arrost   di In Cucina da Eva (http://blog.giallozafferano.it/incucinadaeva/ )

E questo il mio piatto tradizionale:
Checozze a la poveredde 
 (Zucchine alla poverella)
Le zucchine a la "poverella" sono una vera ghiottoneria della gastronomia  pugliese e che fa parte  dell'antica cucina contadina formata appunto da pochissimi e poveri ingredienti...ma di un gusto molto ...ma molto buono!
Ideale da usare insieme agli antipasti o come contorno e...credetemi non vi basterano mai!!!




















Ingredienti:

zucchine
olio evo
menta (abbondante)
aceto
sale fino
aglio 

Procedimento:

Prendere delle zucchine di media grandezza,  togliere le due parti estreme. lavarle ed affettarle in tante rondelle.
Disporre le rondelle su un canovaccio o in un tegame. salare leggermente e farle asciugare per un pò.
Poi friggere in olio evo a pochissimi alla volta, facendoli diventare scuri...quasi sbruciacchiati.
Diporre poi in una ciotola di terracotta e condirli a strati con menta a volontà, aglio tritato o a fettine sottili e un po di aceto. 
Consumare e gustare dopo qualche ora.

mercoledì 11 luglio 2012

Maccheroncini alla crudaiola e...covata di colombi

Buonasera amici,
ieri aprendo la persiana del mio balcone ho visto svolazzare una colomba dalla pianta di geranio,  nel vaso c'era un piccolo uovo...oh santo cielo ed ora che faccio? i colombi mi infastidiscono non poco perchè mi lasciano in continuazione dei loro ricordini!!! ma la scena era troppo bella....che cos'è la natura... il senso materno...è meravigliosa...!!! ho richiuso la persiana e poco dopo è ritornata la mamma a  covare l'ovetto! Insomma non volevo disturbare la covata! Stamattina poi ho trovato un secondo ovetto...beh ho pensato.....qui la famiglia si allarga!!! E' vero che  fa molto caldo e qui a casa è meglio tenere le finestre chiuse...ma ho dato un'occhiata sul web ed ho letto che la covata dura circa 18 giorni!!!!!!!! mi spiace pure che sti poveri colombi stanno tutto il giono sotto il sole immobili a covare le loro uova...mi fanno una tenerezza!!! Mah...vedremo che succede, domani intanto penso di mettere un pò di acqua e qualche briciola! Di nascosto, da dietro alle persiane e senza fare rumore...altrimenti scappano... ho scattato qualche foto!

Ed ora un piatto fresco fresco e che sa di estate, leggero e... veloce per quando si ha poco tempo da dedicare alla cucina!!!




















Ingredienti:

250 g. di maccheroncini o altra pasta a piacere (buonissima con le orecchiette)
300 di pomodorini
basilico a volontà
ricotta marzotica a volontà
olio evo
1 spicchio di aglio

Procedimento:

In una coppa mettere a crudo i pomodorini spezzettati, il basilico tagliuzzato con le mani. l'aglio tritato, olio evo abbondante e ricotta marzotica grattuiata e far insaporire per un'oretta.
Lessare la pasta al dente, versare nella coppa ed amalgamare il tutto.

--------------------------------  
Ed ecco alcune immagini della covata

















lunedì 9 luglio 2012

CUCINA REGIONALE PUGLIESE: Le percoche sciroppate

Buongiorno carissimi amici ... siete sempre i benvenuti nella nostra Rubrica Regionale!!!
Il caldo continua? Eh si si...e  allora cosa c'è di meglio di gustare durante le giornate afose estive un bel frutto...fresco....leggero e ricco di vitamine? In estate poi c'è così tanta abbondanza e varietà di frutta ....che si potrebbe vivere solo di questa!!!
Oggi le nostre care Babi e Renata, che ci guidano in questa entusiasmante avventura  in giro per tutta l'Italia, hanno pensato bene per questa settimana di farci conoscere i vari frutti delle nostre regioni e quindi il tema per oggi è:
Frutta estiva 


Scopriamo insieme sapori...qualità e colori della frutta estiva delle nostre regioni:

CALABRIA: Meli i ficu di Rosa ed Io (http://rosaantonino.blogspot.it/ )
CAMPANIA:     Macedonia di frutta               di Le Ricette di Tina (http://blog.giallozafferano.it/ricetteditina/ )
TOSCANA: Pere al vino di Non Solo Piccante (http://www.nonsolopiccante.it/)
LOMBARDIA: La persicata di L’Angolo Cottura di Babi (www.langolocottura.it)
VENETO:  Torta alle pesche di Semplicemente Buono (www.semplicebuono.blogspot.com/)
FRIULI VENEZIA GIULIA: Persighi col vin di Nuvole di Farina (http://nuvoledifarina.blogspot.com/)
PIEMONTE:  Gelatina di pesche e Brachetto  di La Casa di Artù(http://lacasadi-artu.blogspot.com/)
EMILIA ROMAGNA: Marinà di Zibaldone Culinario (http://zibaldoneculinario.blogspot.com/)
TRENTINO ALTO ADIGE: Gnocchi di prugne di A Fiamma Dolce
(http://afiammadolce.blogspot.it/)
PUGLIA: Le percoche sciroppate  di Breakfast da Donaflor (http://breakfastdadonaflor.blogspot.it/)
LAZIO:  Una passione tutta romana: la grattachecca!    di Chez Entity (http://elly-chezentity.blogspot.it/)
LIGURIA: Giardinea doçe di Un’arbanella di Basilico  http://arbanelladibasilico.blogspot.it/
UMBRIA: Crostata di farro alle albicocche di 2 Amiche in Cucina (http://amichecucina.blogspot.it/)  

E questa la mia frutta estiva preferita:
Le percoche sciroppate

La frutta estiva è così varia...così buona...così colorata...insomma a casa mia guai se manca...mio marito ne mangia a vagonate...io forse un pò meno, ma una frutta che adoro e che mangio sempre volentieri in estate sono le percoche, che il massimo è proprio gustarle così fresche senza alcuna elaborazione oppure affogate in un buon vino rosso a fine pasto!!!
Ma io ogni anno ne faccio scorte per l'inverno, che sappiamo scarseggia di frutta,  buonissime e rinomate sono le peroche di Turi che le preparo anche sciroppate e che uso per crostate, torte e dessert vari oppure per mangiarle così rendendole ancora più golose con un pò di panna e amarene!
Percoca di Turi
proviene dal territorio dell’agro turese, situato in provincia di Bari, dove viene coltivata sin dagli anni ‘50. Questa percoca una volta era conosciuta come il nome di “Guardaboschi” in onore del suo scopritore; si tratta di un frutto dal colore giallo carico con leggere sfumature di rosso chiaro, e dalla pezzatura medio-grande. La polpa della Percoca di Turi è particolarmente soda e compatta, con un gusto intenso e gradevole che la rendono una vera e propria prelibatezza.












Ingredienti:

percoche
1 l. di acqua
600 g. di zucchero

Procedimento:

Preparare lo sciroppo con acqua e zucchero facendo bollire per qualche minuto.
Lavare le percoche, sbucciare e spaccare a metà eliminando il nocciolo.
Sistemare le percoche nei vasetti sterili, coprire con lo sciroppo, chiudere ermeticamente e metterli in una capiente pentola, separando ogni vasetto con canovacci per non farli rompere, riempire la pentola di acqua e  far sterilizzare per 5 minuti. 
Trascorso il tempo uscire subito i vasetti dall'acqua bollente.

mercoledì 4 luglio 2012

Frittata ai fiori di zucchine


Ciao a tutti carissimi...non so voi, ma io soprattutto oggi sono a pezzi per il caldoooooo!!! Mi sento una tartaruga vagante che si trascina a malapena...non è tanto il caldo che mi fa andare a rilento...ma l'umidità che mi rende tutto più difficile! beh...domani spero di fare un bel bagno a mare!!!!
Mia figlia l'altro giorno è venuta a trovarmi portandomi un bel cesto di fiori....di zucchine, buonissime...le ho subito utilizzate per una frittata veloce ma gustosa!

























Ingredienti:

400 g. di fiori di zucchine
6 uova
grana grattugiato
sale e pepe
1 bel rametto di menta
olio evo

Procedimento:

Prima di tutto pulire i fiori di zucchine togliendo il pistillo centrale e il gambetto, lavare e mettere a scolare.
In una ciotola sbattere le uova, aggiungere il formaggio grana grattugiato, sale,  pepe, una  bella manciata di foglioline di menta e alla fine i fiori ben sgocciolati.
Porre sul fuoco una padella con olio evo e procedere a fare la frittata.

---------------------------------------------- 
Ed ora vi lascio alcune foto scattate domenica scorsa dal nostro gommone....si la prima domenica di luglio si festeggia nel mio paese la Madonna d'Altomare, una festa molto bella e caratteristica organizzata dai marinai molesi. La domenica mattina c'è una bellissima processione a mare, dove la Madonna viene portata su un  peschereccio seguito poi da tante barche e gommoni!
Le origini della devozione e del culto della madonna d'Altomare non sono certe...ma certissima e indiscussa è la devozione che i marinai molesi nutrono per la Madonna che la considerano loro protettrice e ad essa affidano ogni speranza di pesca, di salute e di benessere familiare!

 La barca con la Madonna
 









Processione di imbarcazioni


In primo piano il nostro gommone