lunedì 12 novembre 2012

CUCINA REGIONALE PUGLIESE: Recchjetedde e cc'ìme de rape che l'alìsce

Buongiorno a tutti carissimi!


Prima di tutto devo fare un ringraziamento speciale alle 2 carissime amiche del blog " 2 Amiche in cucina " per aver donato a tutte noi della Rubrica Cibo e Regioni questo graditissimo premio che, secondo il suo creatore, questo premio vuole riconoscere il valore di ogni blogger , per il suo impegno nella trasmissione di valori culturali, etici, letterali e personali.
La loro motivazione è che noi tutte della Rubrica ci impegniamo a tenere in vita ricette ricche di tradizioni e storia che potrebbero scomparire!

E allora UN GRANDISSIMO GRAZIE DI CUORE...care amiche in cucina!!!
E con il cuore dedico questo premio a tutte le donne e, perchè no...anche a qualche maschietto...che con amore, passione, dedizione e spesso anche sacrifici... si impegnano in cucina!!!


-------------------------------------------------------------------
Ed ora eccoci qua...l'avventura continua e questo nuovo appuntamento della  RUBRICA REGIONALE vi farà scoprire ancora una volta le delizie delle nostre regioni italiane!
Siamo in pieno autunno...e  Babi e Renata, le nostre care guide, hanno pensato bene di portarci in giro a scoprire i piatti tipici regionali a base di verdure!
In questa stagione ci possiamo davvero sfiziare con la verdura...ottimo alimento, sano, leggero e che si presta  tantissimo a svariate preparazioni...insomma la verdura fa bene alla salute, impariamo a mangiarne sempre di più e insegniamo pure ai piccoli a gustarla!

Il tema di questa settimana: VERDURE INVERNALI

e allora...forza, andiamo subito a sbirciare  le ricette che hanno preparato in tutte le regioni:

CALABRIA:   Maccarruni  chi brocculi ‘ffucati di Rosa ed Io (http://rosaantonino.blogspot.it/ )
CAMPANIA:  Pizza con friarielli e salsiccia di Le Ricette di Tina (http://blog.giallozafferano.it/ricetteditina/ )
SICILIA: Pasta con i broccoli di Cucina che ti Passa (http://www.cucinachetipassa.info/)
TOSCANA: Minestrone di verdure di Non Solo Piccante (http://www.nonsolopiccante.it/)
LOMBARDIA: Verze imbracate di L’Angolo Cottura di Babi (www.langolocottura.it)
VENETO: Tagliatelle alla trevisana di Semplicemente Buono (www.semplicebuono.blogspot.com/)
FRIULI VENEZIA GIULIA: Capuzi garbi di Nuvole di Farina (http://nuvoledifarina.blogspot.com/)
PIEMONTE: Cardi di Re Carlo Alberto   di La Casa  di  Artù (http://lacasadi-artu.blogspot.com/)
EMILIA ROMAGNA: Torta di patate di Zibaldone Culinario (http://zibaldoneculinario.blogspot.com/)
TRENTINO ALTO ADIGE:   Ciapus Cott di A Fiamma Dolce  (http://afiammadolce.blogspot.it/)
PUGLIA: Recchietèdde e ccìme de rape che l’alìsce di Breakfast da Donaflor (http://breakfastdadonaflor.blogspot.it/)
LAZIO:   A tutta indivia... per un bel risotto tutto romano e per gli aliciotti della  cucina ebraico-romanesca di Chez Entity (http://elly-chezentity.blogspot.it/)
LIGURIA:  suppa de scucuzun e cou neigro  di Un’arbanella di Basilico  http://arbanelladibasilico.blogspot.it/
UMBRIA: Crostini di cavolfiore con l’olio nuovo di 2 Amiche in Cucina (http://amichecucina.blogspot.it/)   
MARCHE: Olive marinate di La Creatività e i suoi Colori (http://lacreativitaeisuoicolori.blogspot.it)
ABRUZZO:   Cioffa mbriica di In Cucina da Eva (http://blog.giallozafferano.it/incucinadaeva/ )
VALLE D’AOSTA: “Zuppa alla valdostana con cavolo e fontina, Verdure sotto sale per l’inverno” di L’Appetito Vien Mangiando (http://cinzia-lappetitovienmangiando.blogspot.it/)
SARDEGNA:  Melanzanzane ripiene carne e pecorino sardo di Vickyart  Arte in Cucina (http://blog.giallozafferano.it/vickyart/)
BASILICATA:   Ciambotta di Pasticciando con Magica Nanà (http://blog.giallozafferano.it/sognandoincucina/)
MOLISE:Mestecanza  di Mamma Loredana (http://lacucinadimamma-loredana.blogspot

E qui nella mia cucina:

RECCHJETEDDE E CCIME DE RAPE CHE L'ALISCE
ORECCHIETTE E CIME DI RAPE CON LE ALICI





Le cime di rape....si tratta di una verdura squisita invernale, caratteristica della Puglia e precisamente della zona intorno a Bari, ed ancora a sud fino a Fasano.
Le migliori sono quelle coltivate a Modugno e a Fasano. Più dolci le prime, un poco amarognole le altre, ma entrambe ugualmente squisite.
Si mangiano in genere al posto della minestra, le rape lesse calde, un piatto davvero sano e condite con abbondante olio extra vergine molto buono... si gustano in tutto il loro sapore.
Ma se vogliamo arrichire il gusto ed ecco che troviamo le rape stufate...e le famose orecchiette con le cime di rape... che ve lo dico a fare, sono uno dei piatti più famosi della cucina pugliese.
Ormai come quasi tutti i piatti poveri di una volta vengono riproposti in tutti ristoranti tipici della zona!!!
E a casa mia si mangiano rape almeno una volta a settimana e alla vigilia di Natale... non devono mancare assolutamente sulla nostra tavola...rape a volontà ma...ogni volta non bastano mai!!!

Ho già postato questo piatto agli albori del mio blog...ma ho pensato di riproporlo per questa Rubrica perchè è un piatto che merita di essere conosciuto!!!
























Ingredienti:

Per la versione classica : 
2 kg. di cime di rape
400 g. di orecchiette
2 o 3 acciughe salate
olio extra vergine di oliva q.b.
1 spicchio di aglio
peperoncino (a piacere)
sale

Procedimento:

Pulite le rape togliendo le foglie grandi, asportare i gambi, lasciando le foglie più tenere e tutte le cimette, lavarle bene  in acqua fredda.
Prendere le acciughe salate, lavarle per togliere il sale e spinarle, mettere in una  padella abbastanza capiente,  abbondante olio evo...non siate parsimoniosi..., lo spicchio intero di aglio, che se volete poi toglierete e  il peperoncino, fate scaldare un pò e aggiungete le acciughe che dovranno disfarsi, a fuoco basso senza bruciare.
Mettere a lessare le rape in  acqua salata in ebollizione, mettendo prime le foglie, fatele appassire per qualche minuto e poi  aggiungete le cimette, che dovranno restare belle quasi intere . Scolate e tenete da parte.
Nella stessa acqua dove avete cotto le rape mettere a lessare le orecchiette che scolerete un pò al dente.
A questo punto prendete le rape e le orecchiette lesse e versate tutto nella padella delle acciughe,  fate saltare delicatamente sul fuoco e impiattate. 

Per la versione con pomodorini a ciliegina o al filo,preparare un sughetto con olio evo 1 spicchio di aglio, qualche pomodorino a ciliegina  o al filo, peperoncino e  acciughe.
Dopo che scolate cime di rape e orecchiette, saltate il tutto nella padella del sughetto.

Per una versione dietetica...ma ugualmente buona...lessare le cime di rape e le orecchiette e appena scolate condirle solo con abbondante e ottimo olio evo a crudo.




51 commenti:

  1. Mmmh buone...
    non sapevo ci volessero le acciughe...che ignorante che sono!
    grazie
    Mari

    RispondiElimina
  2. grazie a te, buonissime, le preparo ogni tanto, ma non ho mai messo le acciughe, un bacio

    RispondiElimina
  3. Svelato il mistero, ero curiosa di conoscere il tuo piatto:-) Buonissimo!!! Un abbraccio e buona vacanza:-)

    RispondiElimina
  4. si un classico della cucina pugliese vero, noi lo facciamo con piacere anche a casa! sono buonissimi! ciao cara!

    RispondiElimina
  5. Nooooooooooo
    Le orecchiette con le cime di rapa non potevano mancare ASSOLUTAMENTE!!!!
    Troppo buone e troppo saporito questo piatto per non goderlo ancora e Ancoraaaaaaaaaaaaa
    Un bacione bella Puglieses
    Buona settimana!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Il broccolo o cima di rapa la fa da padrone a questo giro...ma come resistere a simili piatti??? ;)

    RispondiElimina
  7. E' anche ora di pranzo e a vedere questo piatto mi viene una gran fame!!! Buonissimo!

    RispondiElimina
  8. Siamo nel periodo migliore per preparare questo piatto!io l'ho realizzato 2 giorni fa conn le rape di minervino che hanno delle cimette molto grandi, penso di postarla tra qualche giorno. un abbraccio, peppe.

    RispondiElimina
  9. ogni tanto me lo prepara mio padre perché sua madre aveva origini pugliesi di preciso di Galatina il nonno era nato in puglia ma lei a Pescara, adoro i piatti della tradizione e con voi li sto scoprendo. Purtroppo mia nonna è morta presto e tutto quello che so lo devo a mio padre e alle mie zie mentre mamma per la cucina nazionale in generale. Bella presentazione ottimo piatto!

    RispondiElimina
  10. Mi piace tantissimo questo piatto e lo cucino uguale anch'io. Squisito!

    RispondiElimina
  11. Un piatto meraviglioso tesoro di quelli che sanno prooprio di buono e di sostanzioso come piacciono a me!!bacioni,imma

    RispondiElimina
  12. Potrei morire per un piatto ricco di sapori così..è il migliore in assoluto!!Bravaa

    RispondiElimina
  13. Un piatto assolutamente irrinunciabile in questo perido!!!

    RispondiElimina
  14. il piatto che piu' mi fa impazzire della tua regione...UNICO!!!

    RispondiElimina
  15. come si può non amare questo piatto, è una vera delizia del palato e io stessa lo propongo spessissimo. un bacione

    RispondiElimina
  16. Per rispondere in dialetto pugliese alla tua magnifica ricetta: so proprjie sapurit!!!

    RispondiElimina
  17. Non poteva mancare questo splendido piatto qui da te in Puglia!! Ci sono poche parole per descriverlo... è semplicemente perfetto. Bravissima cara, un bacio e buonissima settimana, Babi

    RispondiElimina
  18. Tesoro hai fatto benissimo a decidere di riproporre questo piatto, è delizioso come tutti i piatti della tua splendida regione del resto!
    Davvero bravissima!!!!
    bacionii

    RispondiElimina
  19. Non potevi non postare le orecchiette con le cime di rapa,sono lo scettro della tua bella Puglia!Mi sto divertendo a girovagare per la penisola,grazie alla vostra rubrica,brave ragazze siete tutte bravissime!Un bacione cara!

    RispondiElimina
  20. Milena cara, non c'era bisogno della traduzione! Questo piatto è talmente famoso in tutto il mondo, e a ragione! Io l 'ho mangiato una volta in quel di Polignano, cucinato ad arte come il tuo, in casa. Me ne sono letteralmente innamorata!!! Quando vengo da quelle parti, è d'obbligo: 2 piattoni grandi grandi per me!!! Bacione!

    RispondiElimina
  21. Che piatto speciale, mi ricorda una mia cara amica che nell'adolescenza mi invitava sempre a casa sua e la preparava per me, una pasta davvero fantastica! Baci

    RispondiElimina
  22. Questo è un piatto che amo molto, infatti lo faccio molto spesso!!
    Qui lo chiamiamo cavatelli e spigatelli (che altro non sono che le cime di rapa)e viene condito con cubetti di pancetta di maiale sfritta nell'olio e peperoncino piccante!!
    Complimenti per le belle foto!!
    Un bacio e buona serata
    Carmen

    RispondiElimina
  23. Che meraviglia! Se si pensa a un cibo pugliese le orecchiette la fanno da padrona e con le cime di rapa naturalmente...piatto sempre buonissimo! un bacio grande e complimenti!

    RispondiElimina
  24. Beh, cosa posso dire di questo piatto. Mi viene solo un termine che usa il mio cuginetto ... è supermeravigliosamenteBuono! :) Buona settimana

    RispondiElimina
  25. Era tanto che desideravo vedere foto che rendessero merito ad un piatto simbolo della nostra Puglia. Per me è sempre un grande onore avendo questa regione nel mio cuore. Grazie per avermi fatto rivivere il ricordo di tanti pranzi deliziosi

    RispondiElimina
  26. Adoro questo piatto...doppiamente gustoso...per foto e bontà...Ciao.

    RispondiElimina
  27. Buonissimissime!!complimenti!!

    RispondiElimina
  28. Noi optiamo per la versione con i pomodorini ciliegino... la cucinaniamo anche noi molte in inverno e proveremo di sicuro la tua versione!
    Complimenti carissima.
    Buona settimana

    RispondiElimina
  29. Ciao Dona, ma com'è elegante il tuo blog con il vestitino nuovo! Mi piace moltissimo, e la ricetta? davvero un must della nostra cucina italiana. Ogni tanto penso che qualcuna delle nostre ricette dovrebbe finire nel patrimonio unesco, cosa ne pensi? Un bacio grandissimo, a presto

    RispondiElimina
  30. Credo che questo sia uno dei piatti più rappresentativi della tua meravigliosa regione, hai fatto benissimo a riproporlo perchè noi ce lo gustiamo con tanto piacere. da fare prestissimo!

    RispondiElimina
  31. Questo piatto lo conosco benissimo, da brava pugliese non può mancare sulla mia tavola, io però ci aggiungo le briciole di pane fritte, ti consiglio di provarci... Un bacione

    RispondiElimina
  32. Non potevano proprio mancare loro... le famosissime orecchiette alle cime di rapa! Certo che pronunciato da un pugliese sembra tutto un'altra cosa... :-)
    Assolutamente squisite. Ti "copio" la ricetta...
    Un bacione.

    RispondiElimina
  33. ricordo di averle mangiate una volta in un ristorante pugliese ricord ancora il sapore in bocca :-)

    RispondiElimina
  34. SPETTACOLAREEEEEEEEEEEEEEEE, ricetta SUPER e realizzazione da 10 e lode poichè TUA!!!!!E' un piatto che ADOROOOO e non vedo l'ora di poterlo assaggiare nella tua splendida regione!!!!!Un abbraccio grandissimo amica mia!!!!!

    RispondiElimina
  35. Pur essendo torinese con origini venete, il piatto che tu presenti oggi, lo preparo spesso in questa stagione!!! Lo adoro!!!
    Ti mando un bacio grande e ti auguro un felicissimo fine settimana!!!!

    RispondiElimina
  36. che voglia di rape!!!
    mi piacciono tanto le orecchiete ma mangio anche le rape con la salsiccia!

    RispondiElimina
  37. Un piatto che adoro lo mangiato per 8 anni durante le vacanze in campeggio vicino a Vieste. Poi in casa di amici di Barletta assieme alle triglie di scoglio mamma mia mi viene l'acqulina in bocca...le faccio spesse ed ora con questa riceyya le perfeziono comunque erano vicine a queste mi ricordavo bene.... Conosco anche Bari un magnifico calzone....chissà le pietanze si ricordano meglio ehehehehehehe salutami la Puglia ci sono ripassata 3 anni fa.
    Ciaoooooooo buona fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa gli errori di battuta ma devo cambiare la tastiera :((

      Elimina
  38. Adoro questo piatto! splendido!

    RispondiElimina
  39. Un piatto sempre meraviglioso! :)
    Buona settimana!

    RispondiElimina
  40. Che voglia che mi hai fatto venire!!!!! Sembrano favolose!!!!

    RispondiElimina
  41. Questo è un piatto che mi piace tanto, e ancor di più perché hai "strascicato" le orecchiette alle cime di rapa nella padella con aglio, acciuga, peperoncino. Come dire di no a questo piatto. Se poi penso a quanto sono buone le cime pugliesi....

    RispondiElimina
  42. Che brava, è il mio piatto preferito! Grazie per gli auguri sul mio post! Un bacione

    RispondiElimina
  43. Stupende. Per me orecchiette con cime di rape e pomodorini. Posso venire domani a pranzo?
    A presto,
    Ellen

    RispondiElimina
  44. Io lo sapevo che qualcuno avrebbe riconosciuto Torre Coccaro. Sono sta a a mangiare al bellissimo chalet che hanno al mare lo sai? Erano i primi di aprile e stavano allestendo la spiaggia con i lettini e i gazebo, una roba meravigliosa....Che fortunata sei a viverci vicino...adesso che lo so, quando passo di nuovo da quelle parti sei la prima a saperlo! Ti mando un bacione, Pat

    RispondiElimina
  45. un piatto irresistibile anche se purtroppo mi dovrò accontentare delle cime che trovo al mercato, "quassù" e che sicuramente non sono all'altezza delle originali :(
    Sniff...
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  46. buonissime..le ho da postare anche io.. un po' diverse
    dalla tua magnifica superclassica versione!!
    buona Domenica

    RispondiElimina
  47. Arrivo qui proprio grazie a questa rubrica! Che belli i colori e i sapori di casa mia!!! Ti seguo e non ti mollo più :)

    RispondiElimina
  48. E sì... mi se mancata anche tu! Spero che tutto volga al meglio Milena! Ti lascio un abbraccio perché in ognuno di noi ci sei stata anche tu!!

    RispondiElimina
  49. Che belle foto, fanno venire l'acquolina! Sono stata in vacanza in Puglia l'anno scorso e ancora me le sogno le orecchiette, che buone...

    RispondiElimina
  50. Ripasso dalle tue orecchiette (che restano uno spettacolo) per mandarti un abbraccio forte forte. Speriamo davvero tutto si risolva nel migliore dei modi. Ti aspettiamo, un bacio, Babi

    RispondiElimina