lunedì 9 luglio 2012

CUCINA REGIONALE PUGLIESE: Le percoche sciroppate

Buongiorno carissimi amici ... siete sempre i benvenuti nella nostra Rubrica Regionale!!!
Il caldo continua? Eh si si...e  allora cosa c'è di meglio di gustare durante le giornate afose estive un bel frutto...fresco....leggero e ricco di vitamine? In estate poi c'è così tanta abbondanza e varietà di frutta ....che si potrebbe vivere solo di questa!!!
Oggi le nostre care Babi e Renata, che ci guidano in questa entusiasmante avventura  in giro per tutta l'Italia, hanno pensato bene per questa settimana di farci conoscere i vari frutti delle nostre regioni e quindi il tema per oggi è:
Frutta estiva 


Scopriamo insieme sapori...qualità e colori della frutta estiva delle nostre regioni:

CALABRIA: Meli i ficu di Rosa ed Io (http://rosaantonino.blogspot.it/ )
CAMPANIA:     Macedonia di frutta               di Le Ricette di Tina (http://blog.giallozafferano.it/ricetteditina/ )
TOSCANA: Pere al vino di Non Solo Piccante (http://www.nonsolopiccante.it/)
LOMBARDIA: La persicata di L’Angolo Cottura di Babi (www.langolocottura.it)
VENETO:  Torta alle pesche di Semplicemente Buono (www.semplicebuono.blogspot.com/)
FRIULI VENEZIA GIULIA: Persighi col vin di Nuvole di Farina (http://nuvoledifarina.blogspot.com/)
PIEMONTE:  Gelatina di pesche e Brachetto  di La Casa di Artù(http://lacasadi-artu.blogspot.com/)
EMILIA ROMAGNA: Marinà di Zibaldone Culinario (http://zibaldoneculinario.blogspot.com/)
TRENTINO ALTO ADIGE: Gnocchi di prugne di A Fiamma Dolce
(http://afiammadolce.blogspot.it/)
PUGLIA: Le percoche sciroppate  di Breakfast da Donaflor (http://breakfastdadonaflor.blogspot.it/)
LAZIO:  Una passione tutta romana: la grattachecca!    di Chez Entity (http://elly-chezentity.blogspot.it/)
LIGURIA: Giardinea doçe di Un’arbanella di Basilico  http://arbanelladibasilico.blogspot.it/
UMBRIA: Crostata di farro alle albicocche di 2 Amiche in Cucina (http://amichecucina.blogspot.it/)  

E questa la mia frutta estiva preferita:
Le percoche sciroppate

La frutta estiva è così varia...così buona...così colorata...insomma a casa mia guai se manca...mio marito ne mangia a vagonate...io forse un pò meno, ma una frutta che adoro e che mangio sempre volentieri in estate sono le percoche, che il massimo è proprio gustarle così fresche senza alcuna elaborazione oppure affogate in un buon vino rosso a fine pasto!!!
Ma io ogni anno ne faccio scorte per l'inverno, che sappiamo scarseggia di frutta,  buonissime e rinomate sono le peroche di Turi che le preparo anche sciroppate e che uso per crostate, torte e dessert vari oppure per mangiarle così rendendole ancora più golose con un pò di panna e amarene!
Percoca di Turi
proviene dal territorio dell’agro turese, situato in provincia di Bari, dove viene coltivata sin dagli anni ‘50. Questa percoca una volta era conosciuta come il nome di “Guardaboschi” in onore del suo scopritore; si tratta di un frutto dal colore giallo carico con leggere sfumature di rosso chiaro, e dalla pezzatura medio-grande. La polpa della Percoca di Turi è particolarmente soda e compatta, con un gusto intenso e gradevole che la rendono una vera e propria prelibatezza.












Ingredienti:

percoche
1 l. di acqua
600 g. di zucchero

Procedimento:

Preparare lo sciroppo con acqua e zucchero facendo bollire per qualche minuto.
Lavare le percoche, sbucciare e spaccare a metà eliminando il nocciolo.
Sistemare le percoche nei vasetti sterili, coprire con lo sciroppo, chiudere ermeticamente e metterli in una capiente pentola, separando ogni vasetto con canovacci per non farli rompere, riempire la pentola di acqua e  far sterilizzare per 5 minuti. 
Trascorso il tempo uscire subito i vasetti dall'acqua bollente.

43 commenti:

  1. Che meraviglia, immagino il gusto!
    Voglio provare a farle!

    RispondiElimina
  2. Voglio anch'io provare a farle.....E tesoro proverò questa ricetta!!!!!Che belle che sono le tue pesche e sai che anche noi le chiamiamo percocche...forse però con due c
    Un bacione Milena
    Buona settimana

    RispondiElimina
  3. Io quest'anno nsolo albicocche sciroppate ho fatto...ma...che ricordi le percoche!!!!!!Mia nonna le faceva!!!Cara, con i tuoi post ricci dei profumi della tua meravigliosa terra ci emozioni sempre!!!!!Un grande abbraccio!!!

    RispondiElimina
  4. E ci credo che queste delizie bisogna assolutamente "portarle" fino all'inverno. Deliziosa preparazione, da provare, anche se qui fatico a trovarle, magari le faccio con le albicocche o con le semplici pesche che abbondano, che ne dici?

    RispondiElimina
  5. Tesoro la frutta fresca...cosa c'è di meglio per sopportare questo caldo e poi le percoche sono tra i miei frutti preferiti,sciroppate...che golosità!!bacioni,Imma

    RispondiElimina
  6. Ciaoooo le compro sempre ma non le ho mai fatte!da provare,grazieee mille cara!un bacionee

    RispondiElimina
  7. Grazie per la ricetta, la cercavo e...voilà...ottime! Brava..

    RispondiElimina
  8. Ciao anche nostra mammma prepara sempre le pesche sciroppate per poterle gustare poi d'inverno; la sua ricetta è un diversa ma quest'anno proveremo la tua versione. Grazie e buona settimana.

    RispondiElimina
  9. Ciao , che meraviglia fare la scorta per i mesi dove non ci sono le pesche! Sono così buone sciroppate:-) un bacione

    RispondiElimina
  10. Mia cara anche io adoro le pesche con il vono rosso a fine pasto! le preparo prima in modo che i pezzi prendano bene il profumo del vino ed il vino faccia altrettanto con le pesche...!!!
    grazie per questa ricetta, io le adoro anche sciroppate!
    Manu

    RispondiElimina
  11. Che acquolina!!!Baci e buona settimana,Rosetta

    RispondiElimina
  12. Adoro la frutta sciroppata, me ne tengo alla lontana perchè quando ne apro un vaso devo vederne il fondo... grazie della ricetta nel caso mi venisse la tentazione di prepararle in casa!

    RispondiElimina
  13. Ho provato a fare le pesche percoche sciroppate l'anno scorso quando un'amica me le regalate appena colte dal suo albero, seguendo la sua ricetta io le ho bollite alcuni minuti nello sciroppo ma vedo che tu le metti a crudo. Se non ho capito male ne deduco che è sufficiente la bollitura della sterilizzazione per garantirne la conservabiltà. Mi confermi? E questo si applica anche ad altri tipi di frutta? Così immagino che rimangano belle sode e nel caso in futuro seguirò senz'altro il tuo metodo.
    Un saluto affettuoso

    RispondiElimina
  14. si cara...anche perchè io le preferisco piuttosto sode e non mollicce! con altri tipi di frutta non ho provato...ma penso sia uguale!
    baci

    RispondiElimina
  15. che buoneeeeeeeee!!! le adoro...

    RispondiElimina
  16. Non credevo che fosse così semplice, grazie mille!!!! Bacioni

    RispondiElimina
  17. mannaggia, ma lo sai che questa percoca di turi è esattamente la pesca che cerco in questo momento??? ho in mente un dolce particolare e non riesco a trovare una pesca abbastanza gialla e soda come questa... uff
    ma il procedimento per sciroppare me lo segno, mi serviva!!!

    ^_^
    roberta

    RispondiElimina
  18. queste sono un classico che di solito compro in barattolo, mio figlio le adora, proverò a farle in casa con la tua ricetta, baci e buona settimana

    RispondiElimina
  19. Tesoro mi hai fatto venire una voglia matta di provare a farle ed anche di mangiarle!! sembrano super golose!!!
    sei stata davvero bravissima!!!
    scusa se non sono passata per le altre ricette ma ho avuto problemi con la rete e con internet!!
    bacioni

    RispondiElimina
  20. Devono essere buonissime questa qualità.
    Mi hai fatto venire voglia di provare il tuo metodo di cottura.
    Lo sciroppo è per 1 kg di percoche senza bucce e noccioli?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non ho pesato le percoche, ho sistemato la frutta nei vasetti e riempiti di sciroppo fin quasi al bordo e con questa dose si possono riempire 6 vasetti da 1/2 kg.

      Elimina
    2. Grazie! Lo proverò con le pesche.

      Elimina
  21. Le tue pesche sono eccezionali.Complimenti!!!

    RispondiElimina
  22. Che bbbbooooneeee!! :)
    Un baciotto

    RispondiElimina
  23. ma sai che pur essendone golosissima non ho mai preparato la frutta sciroppata, mi immaginavo un procedimento lunghissimo e complicatissimo e invece guarda che facilità. Ti prendo la ricetta!! un abbraccio

    RispondiElimina
  24. Non avevo mai pensato di preparare la frutta sciroppata in casa, ma ora che ci hai regalato la ricetta, proverò sicuramente! Certo questa varietà di pesche è perfetta, soda e ben matura.... Qui spesso trovare le pesche sode, ma saporite e dolci è un'impresa! Grazie cara, un bacio!

    RispondiElimina
  25. Ciao Dona, sei stata bravissima a preparare queste pesche, e grazie per avercela regalata. Un bacione buona settimana!

    RispondiElimina
  26. Percoche da voi... percoche da noi!! La pesca per me è sempre la regina dell'estate e avere sotto mano una ricetta per mantenerla tutto l'anno è un dono gradito! Le foto sono incantevoli!!! Un bacione, mia cara!

    RispondiElimina
  27. Sono ottime le percocche sciroppate, perchè rispetto alle pesche rimangono più sode..vero?Le ho provate lo scorso anno e le ho trovate ottime ...unico problema è trovarle, qua da noi non sono sempre presenti...ottima presentazione e foto da urlo!!!!!!!!!!!!!!!!
    complimenti Milena!

    RispondiElimina
  28. Che buone! la mia mamma le preparava sempre quando ero bambina, io non e ho mai fatte invece!
    Complimenti per questa tua proposta! :)
    Un bacione e buona settimana!

    RispondiElimina
  29. che meraviglia copiiioooooo subito li adoro

    RispondiElimina
  30. Meraviglia delle meraviglie!!!Poi io le "pricoche" (le chiamiamo così da noi!) le adoro!!Specie quelle pelose!! :)
    bellissima ricetta, quella che tutti vogliono ma nessuno osa chiedere!
    Buona giornata ;*

    RispondiElimina
  31. Le percoche di Turi, con le sfumature rosse, non le ho mai mangiate. Quelle che acquisto hanno la buccia di un colore giallo quasi arancione, e sono veramente buone. Grazie per averle mostrate.

    RispondiElimina
  32. Non sapevo che le percoche fossero una varietà di pesca. Mai sentito parlarne prima... ma quante cose interessanti si scoprono grazie a questa rubrica regionale...
    Hanno un aspetto davvero squisito. E così è possibile gustarle anche in inverno. Un'ottima idea davvero.
    Un bacio.

    RispondiElimina
  33. Che bontà specialmente se mangiate fredde..di questi tempi con la calura sono perfette.ho visto le tue ultime ricette e sono molto invitanti e non ti nego che domenica di ritorno dalle vacanze ho pensato proprio di fermarmi a mola per venirti a trovare ma non avendo tuoi riferimenti e per una serie di cose successe durante il viaggio ho pensato di rinviare la cosa. Ma credo che viste le tue ultime ricette la cosa sa da fare ad agosto ..che ne pensi?un caro saluto peppe.

    RispondiElimina
  34. ma le perchoche sono le pesche??? sai che è la prima volta che le sento chiamare così, è dialetto pugliese????
    comunque anche a me piace molto la frutta sciroppata e non solo, non potrei vivere senza la frutta
    bellissime foto e carinissime le confezioni
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sabina.....si le percoche sono una qualità di pesche e si chiamano proprio così, non è dialetto puliese!
      baci

      Elimina
  35. si fanno anche da me...ma meno male che non l'ho pubblicata ahaha altrimenti avevamo due ricette simili! inoltre non avrei potuto prepararle visti gli esami! alla prossima settimana! da In cucina da Eva!

    RispondiElimina
  36. Che meraviglia!!!!!!!!!!!1
    E mò queste le le copio all'istante.
    Un bacione

    RispondiElimina
  37. magnifiche nulla da dire anche per uitlizzarle in là nel tempo, certo bisogna avere della frutta di prima qualità :-)

    RispondiElimina
  38. che meraviglia!!!! non le avevo mai sentite chiamare così! un bacio

    RispondiElimina
  39. Questa tua versione è fantastica!
    Buon pomeriggio.

    RispondiElimina