domenica 8 gennaio 2012

Spaghetti con Seppie ripiene
















                                                                                         
Scendo da casa, pochi passi a piedi, una piacevole passeggiata...ed ecco lo spettacolo del porto con i pescherecci che arrivano!!!

 

Arrivo dei pescherecci nel porto

Ingredienti:

2 seppie di media grandezza
1 spicchio di aglio e un po cipolla trita
 pomodoro passato o salsa (sufficiente poi per condire gli spaghetti)

Per il ripieno:

1  uovo
un pò di grana o pecorino grattuggiato
un pò di pangrattato
una manciata di prezzemolo
qualche cappero
un pizzico di pepe
un pizzico di sale
qualche tentacolo di seppia tagliato sottile
1 spicchio di aglio tritato fine
1 cucchiaio di salsa

Procedimento:

Per prima cosa pulite le seppie togliendo loro occhi e bocca, svuotate le interiora, facendo molta attenzione a non rompere la sacca di inchiostro (il nero) che, a parte vi può servire per altre tipiche ricette, ma soprattutto non vi schizzerà ovunque in cucina....!   Poi spellatele, tagliate un pò di tentacoli (che li metterete con le seppie nel sugo) e riempitele per poco più di meà con il ripieno, che deve risultare abbastanza morbido (l'osso io lo lascio attaccato... mia madre diceva che dava più sapore al sugo...e poi non c'è bisogno di cucirle per non far uscire il ripieno) .

Soffriggete appena aglio e cipolla, rosolate un pochino le seppie ripiene, aggiungete la salsa e fate cuocere meno di 1 ora (più tempo tenete le seppie a cuocere e più dure diventano).

Usate questo saporito sugo per condire spaghetti o linguine!!!

9 commenti:

  1. complimenti...mi segno subito la ricetta! hanno un aspetto veramente delizioso...baci danyxxx

    RispondiElimina
  2. Molto gustosi!!! Una bella idea per cucinare insieme il primo e il secondo, buoni davvero!

    RispondiElimina
  3. Ho il cuore a pezzi nel vedere le tue foto, mi ricordano una vacanza in un luogo meraviglioso, mi copio la ricetta e spero di avere abbastanza tempo per preparare anche i troccoli, comprai il mattarello per farli (ignoro il suo vero nome) ma non l'ho mai utilizzato, che nostalgia di certi piatti....
    Ciao, Sara

    RispondiElimina
  4. Eccomi a scoprire le tue ricettine gustose:-) questo piatto e' straordinario ora poi ho una fame che lo mangerei subito! Grazie per essere passata da oggi ti seguo anche io:-) a presto!

    RispondiElimina
  5. Eccomi qui, amante del mare e di questi magnifici piatti a rapporto!! Ti seguo volentieri, mi sembra di sentire l'odore di queste meraviglie! :D Un abbraccio!

    RispondiElimina
  6. complimenti!!! presentazione sublime!!immagino il profumo....ciao un abbraccio..

    RispondiElimina
  7. uhmmm!che buono!!!mi è venuta fame!!le tue ricette ono entusiasmanti, e considerato che il salato non è il mio forte, comincerò a seguire le tue preziose indicazioni ;-)))

    RispondiElimina
  8. grazieeeee! cercavo proprio questa ricetta da cucinare x le mie bimbe in versione senza glutine (sono celiake) x la domenica delle palme, in quanto sono invitata a pranzo dai miei parenti in puglia. Nel loro paese cè la tradizione di mangiare questo piatto in quel giorno... e quale piacevole sorpresa scoprire ke questa ricetta proviene proprio dallo stesso posto in cui andrò io domenica!!! mola!!! ciao

    RispondiElimina